Enjoy SmartLeges Premium!

Subscribe to SmartLeges Premium and enjoy the following advantages:

  • Consult as many laws as you need with no additional charge
  • Consult almost any law in several countries with the new advanced search engine. All legislation within reach!
  • Enjoy all SmartLeges functions without restrictions
See the plans

An essential and free application for professionals and students in the legal sector

Read more
 

Sign up for free!

Would you like to consult this and other laws complete?

Sign up for free to consult all the laws of SmartLeges in your mobile phone or tablet, as well as underline text, add notes...

Sign up for free!

Share this law Other laws of Italy
Email Facebook Twitter Google Linkedin Tumblr

CODICE CIVILE

R.D. 262/1942

Aggiornato alla L. 92/2012


  • DISPOSIZIONI SULLA LEGGE IN GENERALE (art. 1-31)
    • Delle fonti del diritto (art. 1-9)
    • Dell'applicazione della legge in generale (art. 10-31)
  • DELLE PERSONE E DELLA FAMIGLIA (art. 1-455)
    • Delle persone fisiche (art. 1-10)
    • Delle persone giuridiche (art. 11-42)
    • Del domicilio e della residenza (art. 43-47)
    • Dell'assenza e della dichiarazione di morte presunta (art. 48-73)
    • Della parentela e della affinita' (art. 74-78)
    • Del matrimonio (art. 79-230 bis)
    • Della filiazione (art. 231-290)
    • Dell'adozione di persone maggiori d'eta' (art. 291-314/28)
    • Della potesta' dei genitori (art. 315-342)
    • Ordini di protezione contro gli abusi familiari (art. 342-bis-342-ter)
    • Della tutela e dell'emancipazione (art. 343-399)
    • Dell'affiliazione e dell'affidamento (art. 400-403)
    • Delle misure di protezione delle persone prive in tutto od in parte di autonomia (art. 404-432)
    • Degli alimenti (art. 433-448)
    • Degli atti dello stato civile (art. 449-455)
  • DELLE SUCCESSIONI (art. 456-809)
    • Disposizioni generali sulle successioni (art. 456-564)
    • Delle successioni legittime (art. 565-586)
    • Delle successioni testamentarie (art. 587-712)
    • Della divisione (art. 713-768-octies)
    • Delle donazioni (art. 769-809)
  • DELLA PROPRIETA' (art. 810-1172)
    • Dei beni (art. 810-831)
    • Della proprieta' (art. 832-951)
    • Della superficie (art. 952-956)
    • Dell'enfiteusi (art. 957-977)
    • Dell'usufrutto, dell'uso e dell'abitazione (art. 978-1026)
    • Delle servitu' prediali (art. 1027-1099)
    • Della comunione (art. 1100-1139)
    • Del possesso (art. 1140-1170)
    • Della denuncia di nuova opera e di danno temuto (art. 1171-1172)
  • DELLE OBBLIGAZIONI (art. 1173-2059)
    • Delle obbligazioni in generale (art. 1173-1320)
    • Dei contratti in generale (art. 1321-1469 sexies)
    • Dei singoli contratti (art. 1470-1600)
    • Dei singoli contratti (art. 1601-1740)
    • Dei singoli contratti (art. 1741-1850)
    • Dei singoli contratti (art. 1851-1986)
    • Delle promesse unilaterali (art. 1987-1991)
    • Dei titoli di credito (art. 1992-2027)
    • Della gestione di affari (art. 2028-2032)
    • Del pagamento dell'indebito (art. 2033-2040)
    • Dell'arricchimento senza causa (art. 2041-2042)
    • Dei fatti illeciti (art. 2043-2059)
  • DEL LAVORO (art. 2060-2642)
    • Della disciplina delle attivita' professionali (art. 2060-2081)
    • Del lavoro nell'impresa (art. 2082-2221)
    • Del lavoro autonomo (art. 2222-2238)
    • Del lavoro subordinato in particolari rapporti (art. 2239-2246)
    • Delle societa' (art. 2247-2510)
    • Delle imprese cooperative e delle mutue assicuratrici (art. 2511-2548)
    • Dell'associazione in partecipazione (art. 2549-2554)
    • Dell'azienda (art. 2555-2574)
    • Dei diritti sulle opere dell'ingegno e sulle invenzioni industriali (art. 2575-2594)
    • Della disciplina della concorrenza e dei consorzi (art. 2595-2620)
    • Disposizioni penali in materia di societa' e di consorzi (art. 2621-2642)
  • DELLA TUTELA DEI DIRITTI (art. 2643-2969)
    • Della trascrizione (art. 2643-2696)
    • Delle prove (art. 2697-2739)
    • Della responsabilita' patrimoniale, delle cause di prelazione e della conservazione della garanzia patrimoniale (art. 2740-2906)
    • Della tutela giurisdizionale dei diritti (art. 2907-2933)
    • Della prescrizione e della decadenza (art. 2934-2969)
  • Disposizioni per l'attuazione del Codice Civile e disposizioni transitorie (art. 1-256)
    • Disposizioni di attuazione (art. 1-113)
    • Disposizioni transitorie (art. 114-248)
    • Disposizioni generali e finali (art. 249-256)

DISPOSIZIONI SULLA LEGGE IN GENERALE

(art. 1-31)

CAPO I

DELLE FONTI DEL DIRITTO

(art. 1-9)

ARTICOLO 1 - INDICAZIONE DELLE FONTI.

Sono fonti del diritto:

1) le leggi;

2) i regolamenti;

[3) le norme corporative;] (1)

4) gli usi.

(1) Le norme corporative sono state abrogate per effetto del R.D.L. 9 agosto 1943, n. 721.

ARTICOLO 2 - LEGGI.

La formazione delle leggi e l'emanazione degli atti del Governo aventi forza di legge sono disciplinate da leggi di carattere costituzionale.

ARTICOLO 3 - REGOLAMENTI.

Il potere regolamentare del Governo è disciplinato da leggi di carattere costituzionale.

Il potere regolamentare di altre autorità è esercitato nei limiti delle rispettive competenze, in conformità delle leggi particolari.

ARTICOLO 4 - LIMITI DELLA DISCIPLINA REGOLAMENTARE.

I regolamenti non possono contenere norme contrarie alle disposizioni delle leggi.

I regolamenti emanati a norma del secondo comma dell'art. 3 non possono nemmeno dettare norme contrarie a quelle dei regolamenti emanati dal Governo.

ARTICOLO 5 - [NORME CORPORATIVE.] (1)

[ Sono norme corporative le ordinanze corporative, gli accordi economici collettivi, i contratti collettivi di lavoro e le sentenze della magistratura del lavoro nelle controversie collettive.]

(1) Le norme corporative sono state abrogate per effetto del R.D.L. 9 agosto 1943, n. 721.

ARTICOLO 6 - [FORMAZIONE ED EFFICACIA DELLE NORME CORPORATIVE.] (1)

[ La formazione e l'efficacia delle norme corporative sono disciplinate nel codice civile e in leggi particolari.]

(1) Le norme corporative sono state abrogate per effetto del R.D.L. 9 agosto 1943, n. 721.

ARTICOLO 7 - [LIMITI DELLA DISCIPLINA CORPORATIVA.] (1)

[ Le norme corporative non possono derogare alle disposizioni imperative delle leggi e dei regolamenti.]

(1) Le norme corporative sono state abrogate per effetto del R.D.L. 9 agosto 1943, n. 721.

ARTICOLO 8 - USI.

Nelle materie regolate dalle leggi e dai regolamenti gli usi hanno efficacia solo in quanto sono da essi richiamati.

[Le norme corporative prevalgono sugli usi, anche se richiamati dalle leggi e dai regolamenti, salvo che in esse sia diversamente disposto.] (1)

(1) Le norme corporative sono state abrogate per effetto del R.D.L. 9 agosto 1943, n. 721.

ARTICOLO 9 - RACCOLTE DI USI.

Gli usi pubblicati nelle raccolte ufficiali degli enti e degli organi a ciò autorizzati si presumono esistenti fino a prova contraria.

Capo II

Dell'applicazione della legge in generale

CAPO II

DELL'APPLICAZIONE DELLA LEGGE IN GENERALE

(art. 10-31)

ARTICOLO 10 - INIZIO DELL'OBBLIGATORIETÀ DELLE LEGGI E DEI REGOLAMENTI.

Le leggi e i regolamenti divengono obbligatori nel decimoquinto giorno successivo a quello della loro pubblicazione, salvo che sia altrimenti disposto.

[Le norme corporative divengono obbligatorie nel giorno successivo a quello della pubblicazione, salvo che in esse sia altrimenti disposto.] (1)

(1) Le norme corporative sono state abrogate per effetto del R.D.L. 9 agosto 1943, n. 721.

ARTICOLO 11 - EFFICACIA DELLA LEGGE NEL TEMPO.

La legge non dispone che per l'avvenire: essa non ha effetto retroattivo.

I contratti collettivi di lavoro possono stabilire per la loro efficacia una data anteriore alla pubblicazione, purché non preceda quella della stipulazione.

ARTICOLO 12 - INTERPRETAZIONE DELLA LEGGE.

Nell'applicare la legge non si può ad essa attribuire altro senso che quello fatto palese dal significato proprio delle parole secondo la connessione di esse, e dalla intenzione del legislatore.

Se una controversia non può essere decisa con una precisa disposizione, si ha riguardo alle disposizioni che regolano casi simili o materie analoghe; se il caso rimane ancora dubbio, si decide secondo i principi generali dell'ordinamento giuridico dello Stato.