¡Disfruta de SmartLeges Premium!

Suscríbete a SmartLeges Premium y disfruta de estas ventajas:

  • Consulta tantas leyes como necesites, gratuitas o de pago, sin coste adicional
  • Consulta casi cualquier ley en varios países gracias al nuevo buscador avanzado. ¡Toda la legislación a tu alcance!
  • Disfruta de todas las características de SmartLeges sin restricciones
Ver los planes

Una aplicación imprescindible y gratuita para profesionales y estudiantes del sector jurídico

Leer más
 

¡Regístrate gratis!

¿Quieres consultar esta y otras leyes completas?

Regístrate gratis y podrás consultar las leyes en tu móvil o tablet, además de subrayar textos, añadir notas...

¡Regístrate gratis!

Compartir esta ley Otras leyes de Italia
Email Facebook Twitter Google Linkedin Tumblr

CODICE PENALE

R.D. 1398/1930

Aggiornato alla L. 172/2012


  • Dei reati in generale (art. 1-240)
    • Della legge penale (art. 1-16)
    • Delle pene (art. 17-38)
    • Del reato (art. 39-84)
    • Del reo e della persona offesa dal reato (art. 85-131)
    • Della modificazione, applicazione ed esezione della pena (art. 132-149)
    • Della estinzione del reato e della pena (art. 150-184)
    • Delle sanzioni civili (art. 185-198)
    • Delle misure amministrative di sicurezza (art. 199-240)
  • Dei delitti in particolare (art. 241-649)
    • Dei delitti contro la personalità dello Stato (art. 241-313)
    • Dei delitti contro la Pubblica amministrazione (art. 314-360)
    • Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia (art. 361-401)
    • Dei delitti contro il sentimento religioso (art. 402-413)
    • Dei delitti contro l'ordine pubblico (art. 414-421)
    • Dei delitti contro l'incolumità pubblica (art. 422-452)
    • Dei delitti contro la fede pubblica (art. 453-498)
    • Dei delitti contro l'economia pubblica (art. 499-518)
    • Dei delitti contro la moralità pubblica e il buon costume (art. 519-544)
    • Dei delitti contro il sentimento per gli animali (art. 544-bis-544-sexies)
    • Dei delitti contro l'integrità e la sanità della stirpe (titolo abrogato dalla legge 194/1978)
    • Dei delitti contro la famiglia (art. 556-574-bis)
    • Dei delitti contro la persona (art. 575-623-bis)
    • Dei delitti contro il patrimonio (art. 624-649)
  • Delle contravvenzioni in particolare (art. 650-734-bis)
    • Delle contravvenzioni di polizia (art. 650-730)
    • Delle contravvenzioni concernenti l'attività sociale della pubblica amministrazione (art. 731-734)
    • Delle contravvenzioni concernenti la tutela della riservatezza (art. 734-bis)
  • Disposizioni di coordinamento e transitorie per il Codice Penale (art. 1-57)
    • Disposizioni di coordinamento (art. 1-19 quater)
    • II Disposizioni transitorie (art. 20-57-quater)

LIBRO I

DEI REATI IN GENERALE

(art. 1-240)

TITOLO I

DELLA LEGGE PENALE

(art. 1-16)

ARTICOLO 1 - REATI E PENE: DISPOSIZIONE ESPRESSA DI LEGGE.

Nessuno può essere punito per un fatto che non sia espressamente preveduto come reato dalla legge, né con pene che non siano da essa stabilite.



ARTICOLO 2 - SUCCESSIONE DI LEGGI PENALI.

Nessuno può essere punito per un fatto che, secondo la legge del tempo in cui fu commesso, non costituiva reato.

Nessuno può essere punito per un fatto che, secondo una legge posteriore, non costituisce reato; e, se vi è stata condanna, ne cessano l'esecuzione e gli effetti penali.

Se vi è stata condanna a pena detentiva e la legge posteriore prevede esclusivamente la pena pecuniaria, la pena detentiva inflitta si converte immediatamente nella corrispondente pena pecuniaria, ai sensi dell'articolo 135.

Se la legge del tempo in cui fu commesso il reato e le posteriori sono diverse, si applica quella le cui disposizioni sono più favorevoli al reo, salvo che sia stata pronunciata sentenza irrevocabile.

Se si tratta di leggi eccezionali o temporanee, non si applicano le disposizioni dei capoversi precedenti.(1)

Le disposizioni di questo articolo si applicano altresì nei casi di decadenza e di mancata ratifica di un decreto-legge e nel caso di un decreto-legge convertito in legge con emendamenti.

(1) La Corte Costituzionale con sentenza n. 51 del 1985 ha dichiarato "l'illegittimità costituzionale dell'art. 2, comma quinto, c.p. nella parte in cui rende applicabili alle ipotesi da esso previste le disposizioni contenute nei Commi secondo e terzo dello stesso art. 2 c.p..".



ARTICOLO 2 - SUCCESSIONE DI LEGGI PENALI.

Nessuno può essere punito per un fatto che, secondo la legge del tempo in cui fu commesso, non costituiva reato.

Nessuno può essere punito per un fatto che, secondo una legge posteriore, non costituisce reato; e, se vi è stata condanna, ne cessano l'esecuzione e gli effetti penali.

Se vi è stata condanna a pena detentiva e la legge posteriore prevede esclusivamente la pena pecuniaria, la pena detentiva inflitta si converte immediatamente nella corrispondente pena pecuniaria, ai sensi dell'articolo 135.

Se la legge del tempo in cui fu commesso il reato e le posteriori sono diverse, si applica quella le cui disposizioni sono più favorevoli al reo, salvo che sia stata pronunciata sentenza irrevocabile.

Se si tratta di leggi eccezionali o temporanee, non si applicano le disposizioni dei capoversi precedenti.(1)

Le disposizioni di questo articolo si applicano altresì nei casi di decadenza e di mancata ratifica di un decreto-legge e nel caso di un decreto-legge convertito in legge con emendamenti.

(1) La Corte Costituzionale con sentenza n. 51 del 1985 ha dichiarato "l'illegittimità costituzionale dell'art. 2, comma quinto, c.p. nella parte in cui rende applicabili alle ipotesi da esso previste le disposizioni contenute nei Commi secondo e terzo dello stesso art. 2 c.p..".



ARTICOLO 3 - OBBLIGATORIETÀ DELLA LEGGE PENALE.

La legge penale italiana obbliga tutti coloro che, cittadini o stranieri, si trovano nel territorio dello Stato , salve le eccezioni stabilite dal diritto pubblico interno o dal diritto internazionale.

La legge penale italiana obbliga altresì tutti coloro che, cittadini o stranieri, si trovano all'estero, ma limitatamente ai casi stabiliti dalla legge medesima o dal diritto internazionale.



ARTICOLO 4 - CITTADINO ITALIANO. TERRITORIO DELLO STATO.

Agli effetti della legge penale, sono considerati cittadini italiani i cittadini delle colonie, i sudditi coloniali, gli appartenenti per origine o per elezione ai luoghi soggetti alla sovranità dello Stato e gli apolidi residenti nel territorio dello Stato.

Agli effetti della legge penale, è territorio dello Stato il territorio della Repubblica, quello delle colonie e ogni altro luogo soggetto alla sovranità dello Stato. Le navi e gli aeromobili italiani sono considerati come territorio dello Stato, ovunque si trovino, salvo che siano soggetti, secondo il diritto internazionale, a una legge territoriale straniera.



ARTICOLO 5 - IGNORANZA DELLA LEGGE PENALE.

Nessuno può invocare a propria scusa l'ignoranza della legge penale.



ARTICOLO 6 - REATI COMMESSI NEL TERRITORIO DELLO STATO.

Chiunque commette un reato nel territorio dello Stato è punito secondo la legge italiana.

Il reato si considera commesso nel territorio dello Stato , quando l'azione o l'omissione, che lo costituisce, è ivi avvenuta in tutto o in parte, ovvero si è ivi verificato l'evento che è la conseguenza dell'azione od omissione.



ARTICOLO 7 - REATI COMMESSI ALL'ESTERO.

E' punito secondo la legge italiana il cittadino o lo straniero che commette in territorio estero taluno dei seguenti reati:

1. delitti contro la personalità dello Stato italiano;

2. delitti di contraffazione del sigillo dello Stato e di uso di tale sigillo contraffatto;

3. delitti di falsità in monete aventi corso legale nel territorio dello Stato, o in valori di bollo o in carte di pubblico credito italiano;

4. delitti commessi da pubblici ufficiali a servizio dello Stato, abusando dei poteri o violando i doveri inerenti alle loro funzioni;

5. ogni altro reato per il quale speciali disposizioni di legge o convenzioni internazionali stabiliscono l'applicabilità della legge penale italiana.



ARTICOLO 8 - DELITTO POLITICO COMMESSO ALL'ESTERO.

Il cittadino o lo straniero, che commette in territorio estero un delitto politico non compreso tra quelli indicati nel n. 1 dell'articolo precedente, è punito secondo la legge italiana , a richiesta del ministro della giustizia .

Se si tratta di delitto punibile a querela della persona offesa , occorre, oltre tale richiesta, anche la querela.

Agli effetti della legge penale, è delitto politico ogni delitto, che offende un interesse politico dello Stato, ovvero un diritto politico del cittadino. E' altresì considerato delitto politico il delitto comune determinato, in tutto o in parte, da motivi politici.



ARTICOLO 9 - DELITTO COMUNE DEL CITTADINO ALL'ESTERO.

Il cittadino, che, fuori dei casi indicati nei due articoli precedenti, commette in territorio estero un delitto per il quale la legge italiana stabilisce la pena di morte o l'ergastolo, o la reclusione non inferiore nel minimo a tre anni, è punito secondo la legge medesima, sempre che si trovi nel territorio dello Stato.

Se si tratta di delitto per il quale è stabilita una pena restrittiva della libertà personale di minore durata, il colpevole è punito a richiesta del ministro della giustizia ovvero a istanza , o a querela della persona offesa.

Nei casi preveduti dalle disposizioni precedenti, qualora si tratti di delitto commesso a danno delle Comunità europee, di uno Stato estero o di uno straniero, il colpevole è punito a richiesta del ministro della giustizia, sempre che l'estradizione di lui non sia stata conceduta, ovvero non sia stata accettata dal Governo dello Stato in cui egli ha commesso il delitto.



ARTICOLO 10 - DELITTO COMUNE DELLO STRANIERO ALL'ESTERO.

Lo straniero, che, fuori dei casi indicati negli articoli 7 e 8, commette in territorio estero, a danno dello Stato o di un cittadino, un delitto per il quale la legge italiana stabilisce la pena di morte o l'ergastolo, o la reclusione non inferiore nel minimo a un anno, è punito secondo la legge medesima, sempre che si trovi nel territorio dello Stato , e vi sia richiesta del ministro della giustizia , ovvero istanza o querela della persona offesa.

Se il delitto è commesso a danno delle Comunità europee, di uno Stato estero o di uno straniero, il colpevole è punito secondo la legge italiana, a richiesta del ministro della giustizia, sempre che:

1. si trovi nel territorio dello Stato;

2. si tratti di delitto per il quale è stabilita la pena di morte o dell'ergastolo, ovvero della reclusione non inferiore nel minimo a tre anni;

3. l'estradizione di lui non sia stata conceduta, ovvero non sia stata accettata dal Governo dello Stato in cui egli ha commesso il delitto, o da quello dello Stato a cui egli appartiene.



ARTICOLO 11 - RINNOVAMENTO DEL GIUDIZIO.

Nel caso indicato nell'art. 6, il cittadino o lo straniero è giudicato nello Stato, anche se sia stato giudicato all'estero.

Nei casi indicati negli articoli 7, 8, 9 e 10, il cittadino o lo straniero, che sia stato giudicato all'estero, è giudicato nuovamente nello Stato, qualora il ministro della giustizia ne faccia richiesta.



ARTICOLO 12 - RICONOSCIMENTO DELLE SENTENZE PENALI STRANIERE.

Alla sentenza penale straniera pronunciata per un delitto può essere dato riconoscimento:

1. per stabilire la recidiva o un altro effetto penale della condanna ovvero per dichiarare l'abitualità o la professionalità nel reato o la tendenza a delinquere;

2. quando la condanna importerebbe, secondo la legge italiana, una pena accessoria;

3. quando, secondo la legge italiana, si dovrebbe sottoporre la persona condannata o prosciolta, che si trova nel territorio dello Stato, a misure di sicurezza personali;

4. quando la sentenza straniera porta condanna alle restituzioni o al risarcimento del danno, ovvero deve, comunque, esser fatta valere in giudizio nel territorio dello Stato, agli effetti delle restituzioni o del risarcimento del danno, o ad altri effetti civili.

Per farsi luogo al riconoscimento, la sentenza deve essere stata pronunciata dall'autorità giudiziaria di uno Stato estero col quale esiste trattato di estradizione. Se questo non esiste, la sentenza estera può essere egualmente ammessa a riconoscimento nello Stato, qualora il ministro della giustizia ne faccia richiesta. Tale richiesta non occorre se viene fatta istanza per il riconoscimento agli effetti indicati nel n. 4.